L'EUROPA SU MARTE

Back

 

LE STAZIONI SISMICHE FRANCESI NETLANDERS (2007)

 

La missione Netlanders sarà la prima ad investigare sulla struttura interna di Marte ed a darci una risposta definitiva sulla consistenza del suo nucleo e sulla mancanza di campo magnetico. Il progetto Netlander consta di quattro lander (del tipo utilizzato per Beagle 2) trasportato da un unico "bus". Ogni lander avrà una serie di strumenti per lo studio del nucleo e del mantello di marte (con l'ausilio di sismografi), dell'atmosfera, della struttura della ionosfera e della geodesia in generale. Ogni lander inoltre trasporterà due microfoni (forniti dalla Planetary Society) che ci permetteranno di registrare e sentire i suoni di Marte. La missione era stata pianificata per essere lanciata nel 2007, tramite un Ariane V, insieme alla missione di raccolta e ritorno campioni da Marte, missione che è stata rinviata. Ora si pensa di utilizzare un vettore Russo. Come per Beagle 2 i lander si staccheranno alcuni giorni prima dell'arrivo del "bus" nei pressi di Marte, ognuno dei quali scenderà su un lato opposto del pianeta. La missione è progettata per eseguire misure nel corso di un anno marziano.

Il progetto è in avanzata fase di preparazione, e dopo il fallimento di Beagle 2 si stanno studiando opportune contromisure al fine di evitare simili problemi.

 

 

Alla fine del 2007 (o agli inizi del 2008) il "Bus" arriva nei pressi di Marte con il suo prezioso carico.

 

 

 

Le quattro navicelle si staccano una alla volta ed iniziano la loro discesa autonoma sul pianeta.

 

 

 

 

 

Uno scudo termico le proteggerà dal calore dell'attrito con l'atmosfera.

 

 

 

Come per la precedente missione Beagle, un paracadute ed un "guinzaglio" freneranno la discesa delle stazioni sismiche.

 

 

 

 

 

Un unico airbag proteggerà i landers dall'urto finale

 

 

 

Con una sequenza automatica i landers apriranno i pannelli ed per consentire ai  pannelli solari di caricare le batterie di bordo.

 

 

 

 

 

Una volta uscita l'antenna e la Pancam, i landers emetteranno il primo segnale di chiamata che potrà essere ricevuto dalle navicelle attualmente in orbita marziana, da DSN e dalla stazione di Jodrell Bank

 

Images and additional information about the project are available from CNES - Credits: CNES/FMI/DLR/IFP