UN'ESPERIENZA PERSONALE

102riga.gif (2190 byte)

 

 

Le difficoltà incontrate dai primi areografi nell'interpretare la morfologia di Marte, furono notevoli. Solo  la progressiva evoluzione nella costruzione delle ottiche, che divennero sempre più grandi e perfette, e l'evolversi della tecnica fotografica, consentì loro a di ottenere risultati eccellenti.

 


MARTE.jpg (18360 byte)  

A lato le dimensioni apparenti di Marte.

 

I dischi inferiori rappresentano le opposizioni, quelli superiori le dimensioni apparenti a vari ingrandimenti durante le grandi opposizioni. Per comprendere come appare Marte con 500 ingrandimenti durante una grande opposizione basta fare un dischetto di 18 mm e guardarlo, a occhio nudo, da una distanza di 30 cm.


Un'esperienza personale riguarda la grande opposizione del 1973, quando Marte si avvicinò alla Terra fino ad una distanza minima di 65.340.000 km (il 21 ottobre), raggiungendo un diametro massimo apparente, in secondi d'arco, di 21,6.

I seguenti 5 disegni, hanno uno scopo puramente didattico e spero aiutino a comprendere meglio  le difficoltà che si incontrano ad osservare, e disegnare, un pianeta piccolo ed evanescente come Marte, con strumenti dilettantistici e di modeste dimensioni.

Lo strumento utilizzato era un  rifrattore, con una lente apocromatica da 76,2 mm di diametro ed una lunghezza focale di 1250 mm, con inseguimento a mano!


12_9.jpg (9007 byte)

12.09.73

GMT 22,22

magnitudine -1,6

diametro apparente 19",23

 (Oculari utilizzati = barlow x 2 +16 mm)

 

A) Mare Cimmerrium

B) Syrtis major

C) Nodus Alcyonius

    1) fascia  discontinua probabilmente causata da effetti ottici.

     
19_9.jpg (8921 byte)

   19.09.73  

GMT  21,30

diametro apparente 19",80

 (Oculari utilizzati = barlow x 2 +20 mm)

A) Syrtis Major

B) Calotta Polare Sud

C) Deucalionis Regio

D) Grise Lamuna

E) Oxus Indus

F) Euphrates

     
20_9a.jpg (8062 byte)

20.09.73

GMT  21,45

(Oculari utilizzati = barlow x 2 +20 mm)

A) Syrtis Major

     
20_9.jpg (8947 byte)

19.09.73

GMT  22,55

(Oculari utilizzati = barlow x 2 +20 mm)

A) Hesperia

B) Mare Chronium

C) Trivium Charontis

     
3_10.jpg (9846 byte)

03.10.73

GMT  22,30

diametro apparente 20",30

(Oculari utilizzati = barlow x 2 +16 mm)

 

E' chiaramente visibile il meridiano 0° Sinus Meridiani